Brodo di Giuggiole - Origini, modi di dire e ricette | Brodo di Giuggiole

Un frutto antico, un liquore senza tempo

Dolcezza e benefici naturali

Cos'è la giuggiola?

Un piccolo frutto di antiche origini, ricco di proprietà benefiche

La giuggiola è il frutto prodotto dalla pianta del giuggiolo, il cui nome scientifico è Ziziphus jujuba. Si tratta di un piccolo arbusto di provenienza asiatica, che nel corso dei secoli si è diffuso nei paesi mediterranei e in Italia. Coltivato per i suoi prelibati frutti, ma adatto ad essere coltivato anche come pianta ornamentale, il giuggiolo produce delle drupe ovoidali, con buccia sottile e liscia di color rosso scuro, la cui polpa ha una consistenza compatta e farinosa, dal sapore dolce leggermente acidulo, che ricorda quello della mela.
Le giuggiole si possono consumare fresche subito dopo la raccolta oppure si possono conservare per lungo tempo essiccandole o mettendole sotto spirito; si prestano inoltre per preparare confetture e sciroppi, o come ingrediente per farcire dolci secchi e biscotti. Il frutto del giuggiolo è inoltre l’ingrediente principale della ricetta di un particolare liquore, conosciuto come “brodo di giuggiole”.
Leggi 
Leggi 
Leggi 
Tutti i detti 
Vai alle ricette 
Leggi 
Leggi 
Sai perché si dice... "andare in brodo di giuggiole"?
E' un’espressione figurata che significa “andare in solluchero, uscire quasi di sé dalla contentezza”. La sua origine molto antica proviene da un modo di dire toscano...